Il Covile | Indice Newsletter (2001-2009)

Il Covile - N.o 79 (31.8.2002) Les Maîtres à penser a Blandings

Questo numero


Volendo mettere alla vostra attenzione Imposture intellettuali, lo spassoso libro (1) di Sokal e Bricmont che ho scorso quest’estate, ho fatto un preliminare controllo in rete. Ne sono usciti la scheda che troverete alla fine della NL e l’indirizzo del sito che presento qui sotto. Assolutamente da non perdere.
Mi è sembrato giusto aggiungere qualcosa del conte Mascetti (2), per certi versi antesignano di Sokal.
 

Postmodernism Generator


Il geniale Generatore lo trovate in funzione a http://www.elsewhere.org/cgi-bin/postmodern.
Cliccando su Aggiorna vedrete ogni volta comparire un diverso saggio postmoderno con tanto di apparati bibliografici.
 
I testi sono seguiti dal commento: "Il saggio che hai appena visto è completamente privo di senso ed è stato generato in modo casuale dal Postmodernism Generator. Se ti sei divertito, puoi farlo ancora leggendo Social Text Affair, dove trovi il brillante(mente senza senso) articolo-truffa che il professor Alan Sokal è riuscito a farsi pubblicare da una prestigiosa rivista intellettuale"
 
Ecco qui primi dieci saggi che ho visionato: il titolo non rende loro giustizia; andrebbero letti per intero, note comprese.
 
The Reality of Fatal flaw: Subdeconstructivist cultural theory and textual situationism
 
Postsemanticist Theories: Subcultural dialectic theory in the works of Glass
 
The Absurdity of Context: Presemantic dialectic theory and cultural discourse
 
Reinventing Modernism: Textual discourse and constructivism
 
The patriarchial paradigm of discourse in the works of Gibson
 
Forgetting Derrida: Postconceptual rationalism and Batailleist `powerful communication'
 
The Collapse of Consensus: The postcultural paradigm of expression in the works of Madonna
 
Presemioticist Deconstructions: The structural paradigm of narrative, constructive theory and nihilism
 
Subtextual desituationism and Baudrillardist simulacra
 
The Stasis of Sexual identity: Nihilism and Lacanist obscurity

 
Esprimo un desiderio: che qualcuno allestisca un Generatore analogo (3) in ambito psicosociopedagogico: sto pensando ai vaneggiamenti di Visalberghi e Maragliano, ai "progetti", ai POF, alle relazioni finali… roba che gli insegnanti non lobotomizzati hanno sempre chiamato (privatamente) "supercazzole"…
 

NOTE


(1) Il quadro della cultura francese che emerge dalle accurate citazioni del libro ricorda, a noi wodehousiani, il Castello di Blandings, pullulante di impostori.
(2) Non lo fu invece, antesignano, Silvio Ceccato: il suo Gioco del Teocono fallì perché ambiva a produrre testi di filosofia "vera".
(3) Il motore utilizzato, The Dada Engine, è open source.
 

L’indimenticabile Ugo Tognazzi / conte Mascetti in Amici miei


Con il vigile Paolini (ATTO 1)


Conte: Tarapia tapioco. Prematurata alla supercazzola o scherziamo!
Vigile: Prego?
Conte: No, mi permetta. No, io; eh scusi noi siamo in quattro. Come se fosse Antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribai con cofandina; come antifurto, per esempio.
Vigile: Ma quale antifurto, mi faccia il piacere! Questi signori qui, stavano suonando loro. Non si intrometta!
Conte: No, aspetti, mi porga l'indice; ecco lo alzi così… guardi, guardi, guardi; lo vede il dito? Lo vede che stuzzica, che prematura anche. Ma allora io le potrei dire anche per il rispetto per l'autorità che anche soltanto le due cose come vicesindaco, capisce?
Vigile: Vicesindaco? Basta così, mi seguano al commissariato!!!
Perozzi: No, no, no; attenzione! No, attenzione Antani secondo l'articolo 12 abbia pazienza, sennò, posterdati, per due, anche un pochino Antani in prefettura…
Conte: …senza contare che la supercazzola prematurata, ha ha perso i contatti col tarapia tapioco.
Perozzi: Dopo…
 

Col custode del cimitero (ATTO 2)


Custode: - No no no! No, guardi, no, un si può mia parcheggiare qui in camposanto, no un si pole.
Conte: - Sbiliguda! Supercazzola prematurata?
Custode: - Eh?
Conte: - No, dico: prematurata la supercazzola?
Custode: - Non capisco...
Conte: - Con scappellamento a destra!
Custode: - Ah, le cappelle? E le son là, guardi, a destra, ma qui un si può parcheggiare.
Conte: - No, volevo dire: occhiello di privilegio come se fosse Antani per lei; ispettore Tombale.
Custode: - Ispettore? Ma che dice !?
Conte: - Ispettore!
Custode: - Ispettore?
Conte: - Con fuochi fatui...
Custode: - E per quanto tempo sta qua?
Conte: - Quintana; o setta!
Custode: - Ah ah.
Conte: - Intanto, trìnita confraternita pulitina.
Custode: - Ah, una pulitina...
 

Con Don Angelo Bernocchi (ATTO 2)


Arch. Melandri: - Don Angelo Bernocchi. .... Il reverendo Bernocchi!
Conte: - Ah, pardon. Tarapio tapioco come se fosse Antani, la supercazzola prematurata con dominus reveriscum blinda.
Reverendo: - Come, prego?
Conte: - Tarapio sulla supercazzola con scappellamento destro o sinistra ?
Reverendo: - No, la cappella sinistra è a destra.
Conte: - Antipodi!
 

Con la direttrice dell'ospizio (ATTO 3)


Direttrice: - Per gli ospiti c'è un apposito telefono a gettone nell'atrio.
Conte: - Sì, ma la sbiriguda della sbrindolona come se fosse Antani come facevo?
Direttrice: - Prego?
Conte: - Ho provato con la supercazzola con scappellamento paraplegico a sinistra, ma non funzionava, faceva tu-tu.
Direttrice: - In che senso?
Conte: - Nel senso anafestico. Eh, sì; come farà di capo d'altitudine, no?
 

La scheda: Imposture intellettuali di Alan Sokal - Jean Bricmont


«Al di là del lato divertente e beffardo, e di quello anti-ideologico, l’esperimento di Sokal è stato definito da molti, a ragione, di grande "utilità pubblica".»
Armando Massarenti, Il Sole 24-Ore

 
Questo saggio, che ha scatenato una feroce polemica nelle comunità scientifiche e filosofiche delle due sponde dell’Atlantico, nasce da una beffa. Un giovane fisico, Alan Sokal, invia alla prestigiosa rivista americana Social Text un testo dal titolo Trasgredire le frontiere: verso un’ermeneutica trasformativa della gravitazione quantistica, infarcito di insensatezze e di strafalcioni ripresi da alcuni "grandi" del pensiero contemporaneo, in particolare francesi. Anche la tesi di fondo di Trasgredire le frontiere, ispirato a un estremistico relativismo post-modernista, è filosoficamente e scientificamente delirante. Dopo la pubblicazione, Sokal esce allo scoperto, dando inizio a una vera e propria resa dei conti.
 
Imposture intellettuali trasforma la beffa in un’argomentata polemica contro la faciloneria di molti maestri del pensiero contemporaneo, i quali si sono appropriati di concetti fisici e matematici – senza assolutamente capirli – per costruire ipotesi filosofiche alla moda: usando ampie (e ridicole) citazioni di Jacques Lacan, Julia Kristeva, Luce Irigaray, Bruno Latour, Jean Baudrillard, Gilles Deleuze, Félix Guattari e Paul Virilio, Sokal e Bricmont dimostrano che, dietro un gergo astruso fino al terrorismo culturale e a un’apparente erudizione scientifica, il re è nudo.