Il Covile | Indice Newsletter (2001-2009)

Il Covile - N.o 195 (26.2.2004) Il questionario di Iacopo Cricelli

Questo numero


 
Prima di tutto devo ringraziare Stefano Serafini che si è fatto vivo con una lettera di apprezzamento per il testo di Pietro De Marco pubblicato nel numero scorso, ma anche con parole di incoraggiamento che mi hanno fatto piacere.
Subito sotto trovate un invito dell’amico Iacopo Cricelli, dategli ascolto.
C’è poi un errore da sistemare.
 

Questionario


Cari Amici
Stiamo arrivando ai 200 numeri della bella Newsletter di Stefano: è venuto il momento di tirare le somme e di chiedere un vostro piccolo parere su quanto fatto in questi anni.
A questo indirizzo: www.stefanoborselli.elios.net/questionario/questionario.htm potrete compilare un questionario in cui avrete la possibilità di esprimere la vostra opinione, bastano poche righe, per darci una mano a migliorare i temi, la periodicità ed i contenuti della Newsletter.
Grazie
 
Iacopo Cricelli
 

Correzione


La gentile Dott.ssa Elena Bignami, che professionalmente si occupa di Storia e che, direbbe Wodehouse, quello che non sa sui Bignami, dei vari rami, si potrebbe scrivere su un francobollo, ha segnalato un errore nella NL n° 26.
In quella è riprodotto un articolo di Franco Cardini Europa, "Occidente", Islam. Profilo storico e prospettive - Due fondamentalismi da smascherare che recita:
“Questa della guerra costante e della continua inimicizia tra Occidente e Islam è una balla che può esser bevuta solo dagli ohimè troppi nipotini del benemerito garibaldino ed editore Enrico Bignami, inventore del sapere scolastico ridotto in pillole.”
Ci informa la studiosa che:
“l'Enrico Bignami, garibaldino (e socialista) […] nulla c'entra con la casa editrice Bignami di Milano che pubblica i pregevoli e famosi 'sunti' di storia…”
“[…] Enrico Bignami iniziò l'esperienza garibaldino-socialista de La Plebe giovanissimo e, rifugiatosi in Svizzera dopo le persecuzioni antisocialiste di fine '800, fondò una comunità intellettuale denominata Coenobium dalla quale (anche con la rivista) continuò l'organizzazione del pacifismo... qui entriamo in tema con l'abbaglio del prof. Cardini, perché Enrico Bignami rifiutò la candidatura al premio Nobel per la pace proprio perché non smise mai la sua solidarietà (probabilmente anche materiale, forse addirittura armi) al movimento per la liberazione dell'Algeria.”
Anche Omero di tanto in tanto sonnecchia.