Il Covile | Indice Newsletter (2001-2009)

Il Covile - N.o 447 (24.4.2008) Siti freschi (12) Gruppo Di Firenze

Siti freschi (12) Gruppo Di Firenze


Il titolo intero, che dice tutto, sarebbe GRUPPO DI FIRENZE - per la scuola del merito e della responsabilità. Il lodevole blog, di recente costituzione, ha già raccolto molto materiale del dibattito che finalmente si è avviato sull’ormai miserando stato del sistema educativo e scolastico italiano. Sembra ancora timido sulle questioni cruciali (destatalizzazione, liberalizzazione, mercato…), ma tempo al tempo. Mentre scelgo il post pieno di verità che trovate sotto, ne approfitto per ricordare, proprio sul tema, la nostra raccolta Consonanze: contro la coscrizione scolastica e per segnalare l’importante SchoolAndState, un’organizzazione che sta raccogliendo milioni di firme nel mondo su questa breve dichiarazione: I proclaim publicly that I favor ending government involvement in education. Io ho firmato, se volete farlo anche voi visitatene il sito.
 
S. B.
 

Gianni riparte da zero (di Valerio Vagnoli)


Fonte: http://gruppodifirenze.blogspot.com/2008/04/gianni-riparte-da-zero-di-valerio.html

Sottopongo con piacere ai lettori del blog un documento umano, ancor prima che pedagogico, che un docente di un Istituto professionale dell’area fiorentina mi ha gentilmente trasmesso in fotocopia: la riflessione scritta di uno studente che a fine anno scolastico ha abbandonato la scuola in seconda superiore, dopo ripetute bocciature, per intraprendere un altro percorso formativo
Mi limiterò a trascriverla fedelmente nella speranza che possa essere letta almeno da qualcuno di quelli che “ad alto livello” si occupano di istruzione e che si ostinano a pensare e, ahimé, a permettere che l’obbligo scolastico si contempli solo nel sistema d’istruzione con conseguenze, nella formazione dei giovani, assai nefaste. Conseguenze che, da quanto si può leggere nel tema dello studente, appaiono ben intuibili nel percepire quanta frustrazione, alienazione e tristezza esistenziale gli abbiano procurato. Ma di questi perversi aspetti del nostro sistema scolastico, come Gruppo di Firenze, ci siamo più volte occupati.
Il ragazzo che ha scritto questa riflessione – chiamiamolo Gianni – è, come ho scritto sopra, un pluriripetente di un Istituto professionale da lui frequentato fino a poche settimane fa. Per sua fortuna, in questi giorni si è potuto iscrivere ad un percorso finanziato dalla Provincia di Firenze, finalizzato ad espletare l’obbligo formativo attraverso un progetto al di fuori del sistema scolastico tradizionale che gli possa dare, finalmente, la possibilità di cimentarsi con attività tecnico-pratiche, ridimensionando ad un terzo il peso di quelle tradizionalmente “scolastiche”.
Molti addetti ai lavori si ostinano a non voler diversificare le modalità con le quali i ragazzi potrebbero assolvere il nuovo obbligo scolastico. E’ probabile che molti di questi siano però favorevoli a concedere il voto ai sedicenni, ma agli stessi sedicenni ritengono giusto negare la libertà e la piena autonomia nel poter delineare il proprio futuro secondo le proprie aspettative e i propri desideri. Solo dopo ripetuti insuccessi scolastici si può concedere che si possano avviare verso una formazione veramente professionalizzante, ufficializzandola così come una sorta di ultima spiaggia per gli incapaci e immeritevoli. Non a caso così la percepiscono, anche a dispetto dei loro figli, i genitori e, giustamente, il ragazzo temeva che anche stavolta i propri sarebbero stati contrari a fargli abbandonare “la scuola”.
Buona lettura!
 
Valerio Vagnoli
“Niente da fare, avevo fallito anche questa volta. La scuola non la sopportavo proprio, naturalmente sarei bocciato anche quest’anno e sono sicuro che i miei non l’avrebbero digerita, mi sembrava tutto finito finché la bella notizia arrivò: un corso speciale di pasticceria con un mucchio di ore pratiche e poca teoria. Wow sembrava veramente un sogno, l’unica cosa che guastava era: i miei avrebbero acconsentito? Tornai a casa tutto contento del mio progetto e miracolosamente acconsentirono senza obbiezioni. Dio esiste, e questa è la prova! Qualche giorno dopo incominciai il corso e fortunatamente stà andando alla grande; ho professori bravi, compagni ancora meglio, e i miei voti stanno andando bene, che voglio di +. Morale. A volte ripartire da zero è veramente positivo.”