Il Covile | Indice Newsletter (2001-2009)

Il Covile - N.o 479 (23.11.2008) Carlo Gambescia recensisce “Ex”

Questo numero

“Quanto a coloro che sono attaccati alle terrasses dei bar e allergici alla polvere dei musei, due sole eccezioni si richiedono: Bellini e De Chirico bastano per l’inverno romano.” Almanacco Romano in De Chirico alla Casa delle Muse.
 
“Pietro Lombardo non venne da usura
Duccio non venne da usura
né Piero della Francesca; Zuan Bellin non venne da usura
né fu da essa dipinta “La Calunnia”.
Non venne da usura l’Angelico; non venne Ambrogio de Praedis”
Ezra Pound, Canto XLV (With Usura) dai Cantos.
La mostra di più di sessanta opere di Giovanni Bellini (“il migliore di tutti” non solo secondo Albrecht Dürer) alle Scuderie del Quirinale vi consiglio vivamente di non perderla, l’ultima è stata nel 1949. Chiude l’undici di gennaio. Non bisogna prenotarsi, normalmente non c’è neppure fila e se mostrate il biglietto della metro o dell’autobus avete pure lo sconto.
 
Giovanni Bellini - Sacra Conversazione - Accademia -1490

 
Enrico Delfini, invece, ci raccomanda quella, aperta fino al ventisei gennaio, delle opere di Amico Aspertini “si tratta del mio autore preferito, le cui opere ho cercato oltre trent’anni fa anche nella bella Lucca; ed è una mostra da non perdere”.
 
Amico Aspertini, La decollazione di San Giovanni Battista

Dopo le segnalazioni passiamo a questo avviso ed alla recensione di Carlo Gambescia, che ringraziamo, del nostro libro.
 

Rinnovo iscrizione al Covile


Caratteristica spiacevole dell’iscrizione ad una newsletter in rete è che una volta iscritto continuerai a riceverla per la vita. Sì, è di norma possibile chiedere la rimozione dall’indirizzario, ma questa ha un che di indelicato, suona come una disapprovazione che a volte non c’è. Ciò non succede con gli abbonamenti normali che si possono semplicemente non rinnovare: “La rivista mi piace, ma la acquisterò al momento in edicola od in libreria...”.
Per ovviare, il Covile di tanto in tanto richiede il rinnovo dell’iscrizione, lo ha già fatto una volta. In sostanza: escluse le iscrizioni recentissime (dal giugno scorso in poi) chi vorrà ricevere ancora il Covile per il 2009 dovrà iscriversi nuovamente. C’è ancora più di un mese...
 

Carlo Gambescia recensisce Ex comunisti


Fonte: Il libro della settimana - 20 novembre 2008, http://carlogambesciametapolitics.blogspot.com.

Esistono due tipi di memorialistica politica sul Sessantotto e dintorni. Quella che si può definire ex post, nel senso di una graduale, seria e postuma presa di coscienza degli errori ideologici commessi in passato, e quella ex ante, per la quale nulla sembra aver influito sulle previsioni ideologiche “di partenza”, alle quali magari oggi si è fatto indossare un abitino postmoderno.
Il notevole libro curato da Stefano Borselli, Ex comunisti. Addio a lotta continua (Rubbettino, Soveria Mannelli 2008, pp. 74, euro 12,00 ) appartiene alla prima tipologia. Alla seconda, ad esempio, vanno invece ascritti i libri alla Mario Capanna imbevuti di postgandhismo e postmarxismo à la carte.
Tre i piani di lettura di un libro sostanzialmente scritto a più mani da Stefano Borselli, Leonardo Tirabassi, Roberto Silvi, Rino Melotti, Giuliano di Tanna, Riccardo de Benedetti.
Il primo è quello legato storia di Lotta Continua. Sorta di movimento secolare su basi carismatiche, dedito alla ricerca e affermazione della propria verità, come tutti i movimenti terreni di salvezza politica. Di qui gli alti e bassi, mediati dal detentore del carisma, Adriano Sofri. Fino al definitivo scioglimento di un movimento sociale trasformatosi in setta, e quindi condannato allo scisma.
Il secondo piano è quello connesso all’omicidio Calabresi. Attraverso il quale si scopre come la logica salvifica del movimento, non potesse non evitare la rituale indicazione del capro espiatorio, da parte del capo mitico. Designazione per alcuni solo morale, per altri reale. Di qui il fin troppo scontato passaggio dalle armi della critica alla critica armi. O se si preferisce: dell’eliminazione fisica dell’avversario.
Il terzo piano è quello sociologicamente più ricco. Perché ci permette di approfondire i meandri antropologici della giustificazione rivoluzionario salvifica della violenza. Un aspetto colto da Roberto Silvi. E ripreso anche da Leonardo Tirabassi:
“Il punto di partenza è sempre quello della doppia moralità ben messa in risalto da Roberto Silvi:
«Una delle contraddizioni di ogni ‘rivoluzionario di professione’ come li chiama Camus nell’Uomo in rivolta [è] quella di essere o credersi sostanzialmente un pacifista perché il suo uso della violenza, anche se compie delle azioni atroci, è giustificato dal fatto che lo fa perché costretto e solo per liberare il mondo dalle guerre volute dalla borghesia per difendere i suoi interessi’.»
Parole non distanti dalle considerazioni del giovane Lukács sulla necessità tragica, perché inevitabile destino, che i giusti , i rivoluzionari , debbano prendersi carico della necessità storica della violenza. Moloch a cui sacrificare la vita altrui e propria.
«Solo l‘azione omicida dell’uomo, il quale sa con assoluta certezza e senza dubbio alcuno che in nessuna circostanza l’omicidio deve essere approvato, può avere, tragicamente, una natura morale» (György Lukács, Scritti politici giovanili 1912-1928, Laterza 1972, p. 14).
L’omicidio non è permesso ma deve essere compiuto!”
Non c’è, insomma, in chiunque offra se stesso al culto della rivoluzione, l’accettazione della violenza quale componente naturale dei processi sociali; una violenza da addomesticare vista l’impossibilità di sopprimerla. C’è invece nel rivoluzionario la sopravvalutazione della soppressione fisica dell’avversario, quale componente di un processo catartico, che porterà alla liberazione definitiva da ogni forma di violenza. Senza però indicare quando, come e dove essa si arresterà. Come questo ottimo libro ci ricorda. E meglio di tanti presuntuosi trattati contemporanei di sociologia politica.
 
Carlo Gambescia