Mappa   Ragguaglio   Ultime pubblicazioni

 

Emergenza antropologica

Raccolta tematica di numeri della rivista.

Le tematiche del­l'e­mer­genza antro­polo­gica han­no un aspetto surreale: da una parte sono l'effetto di rivol­gimenti profondi, portan­do ad esito i processi della modernità, dall'altra si rife­riscono a questioni manipolate e fit­tizie, im­poste dai media e dal politi­camente corretto. È questo il caso delle teorie del gender, a cui fa fronte una questione maschile ben comples­sa e reale, è il caso della mistica dei diritti, a cui fa fronte una gravis­sima crisi del­la famiglia e dell'e­duca­zione, è il caso delle farneticazioni del trans­umanesimo, a cui fa fronte il degrado e l'aliena­zione del­la natura umana. Le filosofie del 900 risultano incapaci di dar conto razional­mente della realtà e sono a rimorchio se non a servizio delle tendenze pilo­tate dai poteri forti e dal capita­lismo globalista. L'emer­genza antropo­logica diventa un dato esisten­ziale, dramma­ticamente vis­suto nel quoti­diano, nei senti­menti, nelle relazioni tra gli individui, nel signi­ficato stesso della vita e della morte. Ma anche in questo caso, come sfuggire ad un sospetto di misti­ficazione, di depi­staggio, quando con­cre­tamente non c'è lavo­ro, sicu­rezza, tutela ambientale e della salute, e la comunità sociale si sgretola, lasciando l'individuo in una impotente solitudine?

Cliccare sulla copertina per leggere o scaricare
la pubblicazione.

Emergenza antropologica












Armando Ermini
Il nuovo libro di Claudio Risè e altre questioni.
«C’è una precisa continuità tra: illumin... «C’è una precisa continuità tra: illuminismo — rivoluzioni e decapitazione dei padri — industrializzazione — burocratizzazione — totalitarismi — guerre mondiali — corporation — globalizzazione — multinazionali — dissoluzione delle forme e dei confini, anche territoriali.», scrive Risè. Su questo asse si sviluppa il suo ragionamento che, nella conversazione con Stefano Borgonovo, si propone di individuare un modo di vivere che, per quanto possibile, stia fuori dai canoni culturali (e pratici) della modernità, e riscopra la necessità di «una forte relazione personale col mondo naturale e selvatico.» Non a caso il sottotitolo del libro recita «Manuale di sopravvivenza alla modernità». Proprio perché ragionano di temi analoghi, abbiamo pensato di affiancare al librò di Risè, quello di Sergio Cabras sull’Alternativa neo contadina. Entrambi i lavori non sono esenti, a nostro avviso, di punti di criticità, del resto inevitabili in tempi di mutamenti tumultuosi; ma questo costituisce uno stimolo in più alla lettura ed alla discussione.




Prima che sia proibito





La questione maschile


AA.VV.
Varia.

Armando Ermini
Una panoramica.
«Questione maschile» è una locuzione che... «Questione maschile» è una locuzione che sta entrando nel les­sico corrente, anche per merito di alcuni movimenti impegnati nella società civile e sul web. La serie, curata da Armando Ermini, partendo da una pano­ramica sui movimenti degli uomini in Italia, si propone di esporre i principali temi inerenti l’identità maschile, e di analiz­zare motivi e cause di una crisi profonda che non si limita agli uomini ma coinvolge con essi le radici stesse della civiltà occiden­tale. Crisi che si sta avvi­cinan­do ra­pi­da­men­te al pun­to di non ri­torno ma che, pro­prio per questo, inizia a gene­rare nuove consa­pevo­lez­ze e spe­ranze. Al­le volte ancora allo stato mag­matico, la nuova co­scien­za maschi­le e pa­terna è suscet­tibile di evol­vere in sen­so po­sitivo. Non come rivin­cita verso le conqui­ste civili delle donne, ma come co­scienza di sé e del­la pro­pria insosti­tuibi­lità nello scena­rio so­ciale e fami­liare.





AVVERTENZA Il presente sito è esente da qualsiasi tipo di atti­vità lucrosa ed è privo di inserti pubbli­citari o com­mer­ciali. Le informa­zioni di cui si occupa non hanno na­tura periodica, pertanto non sono sog­gette alla normativa della legge 47/78, richiamata dalla leg­ge 62/­2001. Il materiale multi­mediale non creato appo­sita­mente per questo sito, ma in questo sito presente, può essere ancora soggetto al Copyright dei rispet­tivi autori. In questo caso l'unico scopo del responsabile è stato quello di promuovere le opere citate. Le citazioni delle opere e degli autori sono presenti nelle singole pagine. Le pagine web inserite sono corre­date dalle infor­mazioni disponibili degli autori e dai relativi link. Qualora gli eventuali titolari di diritti su testi, immagini e musiche si dovessero ritenere danneggiati, il responsabile del sito è pronto ad ogni modifica o cancellazione. Con­tatti: il.co­vile@­gmail­.com. Le pagine di questo sito fanno uso esclusivamente di file HTML, PDF, PNG, CSS e sono prive di Javascript e di Cookies. Il sito può essere in­tegral­mente scari­cato con HT­Track. © Stefano Borselli 2019. I testi originali sono licenziati sotto Creative Commons. Attri­buzione. Non commer­ciale. Non opere deri­vate 3.0 Italia License.