Il Covile    Ragguaglio   Mappa

 

Epimeteo e la tecnica

L’esistenza dei refrattari alle magnifiche sorti e progressive annunciate dalla Tecnica, ha sempre turbato e scandalizzato il benpensante, che li ha chiamati e li chiama luddisti, profeti di sventura, misoneisti...

Parafrasando Gómez Dávila, l'esistenza dei refrattari alle magni­fiche sorti e progres­sive annunciate dalla Tecnica (che i nostri let­tori potrebbero chia­mare uomini epime­teici), ha sempre turbato e scan­daliz­zato il benpensante, che li ha chiamati e li chiama lud­disti, profeti di sventura, misoneisti, laudatores tempo­ris acti, ecc. «La loro presenza in qualche modo lo disturba. Di fronte al­l'atteg­giamento» di critica alla scienza il prometide «prova un leggero disprezzo, accompa­gnato da sorpresa e da inquietudine. Per placare i propri timori», il nuovo credente nel para­diso tecno­logico «suole inter­pretare questo atteg­giamento inop­portuno e urtante come travestimento d'interessi o come sintomo di stoltezza; ma soltanto il giornalista, il politico e lo stupido non si turbano, segretamente, di fronte al­la tenacia con cui le più elevate intel­ligenze d'Occidente, da cento­cinquan­t'anni, accu­mulano obiezioni» alla tecnica. «Un disprezzo com­piacente non sembra infatti la risposta adeguata a un atteggiamento nel quale» un Wolfgang Goethe si può affratellare a Gina Lombroso, Martin Heidegger, Amadeo Bordiga, Lanza Del Vasto, Lewis Mumford, Günther Anders, Marshall McLuhan, Jacques Ellul, Ivan Illich, Jean Baudril­lard, Neil Post­man, Jacques Camatte, Jerry Mander, Manfred Spitzer.

Cliccare sulla copertina per leggere o scaricare
la pubblicazione.

Armando Ermini
Conversando con Camatte.

Jacques Camatte può essere classificato ... Jacques Camatte può essere classificato fra i marxisti «eretici»: coloro cioè (pensiamo per tutti a Jean Baudrillard) che partendo dallo studio di tutta l'opera marxiana non ne hanno taciuto le aporie tentato al contempo di portarne alle estreme conseguenze le intuizioni più profonde per decifrare il nostro tempo che, come Camatte scriveva nel suo lavoro più conosciuto (1972), «Il Capitale Totale», è quello in cui il capitale si è fatto uomo, o, ma è lo stesso, l’uomo si considera «particella di capitale». In forza di ciò il pensatore francese, che nei primi anni sessanta del novecento aveva aderito attivamente al marxismo di Amadeo Bordiga, ha finito per rifiutare i concetti tradizionali di lotta di classe e di rivoluzione, tutti interni allo sviluppo del capitale stesso e del «valore», per approdare ad una concezione in cui è centrale il concetto di «naturalità». Per recuperarla occorre però «uscire da questo mondo», nel senso di rifiutarne i paradigmi concettuali e di comportamento pratico. Ci è sembrato perciò buona cosa andare a trovarlo nel suo «eremo» in terra di Francia e parlare con lui a lungo. Un parlare e confrontarsi, però, in cui l’ambiente (la casa, la campagna circostante, le abitudini) è stato altrettanto importante delle parole, dando ad esse significato e senso concreti, conferendo loro un’anima.


AVVERTENZA Il presente sito è esente da qualsiasi tipo di atti­vità lucrosa ed è privo di inserti pubbli­citari o com­mer­ciali. Le informa­zioni di cui si occupa non hanno na­tura periodica, pertanto non sono sog­gette alla normativa della legge 47/78, richiamata dalla leg­ge 62/­2001. Il materiale multi­mediale non creato appo­sita­mente per questo sito, ma in questo sito presente, può essere ancora soggetto al Copyright dei rispet­tivi autori. In questo caso l'unico scopo del responsabile è stato quello di promuovere le opere citate. Le citazioni delle opere e degli autori sono presenti nelle singole pagine. Le pagine web inserite sono corre­date dalle infor­mazioni disponibili degli autori e dai relativi link. Qualora gli eventuali titolari di diritti su testi, immagini e musiche si dovessero ritenere danneggiati, il responsabile del sito è pronto ad ogni modifica o cancellazione. Con­tatti: il.co­vile@­gmail­.com. Le pagine di questo sito fanno uso esclusivamente di file HTML, XML, XSL, PDF, PNG, CSS e sono prive di Javascript e di Cookies. Il sito può essere in­tegral­mente scari­cato con HT­Track. © Stefano Borselli 2019. I testi originali sono licenziati sotto Creative Commons. Attri­buzione. Non commer­ciale. Non opere deri­vate 3.0 Italia License.