Mappa   Ragguaglio   Ultime pubblicazioni

 

Gnostici

«Ci sono mille verità, l’errore è uno». (Nicolás Gómez Dávila)

«I tratti salienti dello «gno­sti­ci­smo», esposti sche­mati­camen­te, sareb­bero al­lora i seguenti: a) la presenza di un complesso schema mito­logico-cosmo­logi­co fondato sul­l'idea di «caduta» (rot­tura originaria di un ordine divino del cosmo, talora coin­cidente con la creazione del mondo sen­sibile ad opera di un demiurgo), cui cor­rispon­derebbe sul piano an­tropologico b) un acceso dualismo tra mondo mate­riale e mondo spirituale e c) l'idea di un patrimonio sapien­ziale esclu­sivo, tra­smis­sibile per via eso­terica, in grado di con­durre il gruppo ristret­to che lo possiede alla salvezza e alla liberazione dai lacci della vita carnale. ¶ Un ulteriore tratto [...] è ravvisabile nella mesco­lanza di elementi prove­nienti da tradizioni reli­giose etero­genee [...]. Molto fre­quente, infine, è una rigida classifi­cazione del­l'umanità se­con­do tre cate­gorie: gli spirituali (o pneumatici, ossia coloro che pos­seg­gono la «gnosi» e sono già redenti), gli psichici (ossia gli uomini che, con l'aiuto dei «per­fetti», possono ac­cedere alla «gnosi») e gli ilici (nei quali predomina la hyle, cioè la materia, e che perciò sono destinati alla dis­soluzione). Oltre al consueto richiamo ad in­segna­menti na­sco­sti [...]» (Luigi Walt, «Gnosi e gnosticismo: appunti per una definizione»).

Cliccare sulla copertina per leggere o scaricare
la pubblicazione.

Movimenti moderni









AA.VV.
Romano Guardini e i movimenti moderni.
La forma e il materiale di un calice sac... La forma e il materiale di un calice sacro, quelli di una chiesa, gli stili architettonici e l'impianto urbanistico delle città, i movimenti giovanili del novecento e alcune esperienze politico/esistenziali, i rapporti con la tecnica. La Raccolta si snoda intorno a tutti questi temi, trattati in più numeri del Covile e apparentemente eterogenei, con l'ambizione di mettere il lettore in condizione di rintracciarne il filo rosso che li accomuna. Filo rosso che potrebbe essere sintetizzato nel rifiuto della modernità di riconoscere l'esistenza di un ordine del mondo insieme divino e umano, o in altri termini, di riconoscersi da parte degli uomini quali creature, e non quali creatori di se stessi, sganciati quindi da ogni riferimento che non sia la propria prometeica volontà di potenza e la propria umana Ragione. Ne risulta che la modernità, per la prima volta nella storia, ha provocato una cesura con tutto quanto la precede e che coinvolge tanto l'antico mondo pagano quanto quello cristiano e cattolico. Siamo però in presenza di un macroscopico paradosso: il mondo moderno della razionalità e della scienza, elevate a vere e proprie fedi che soppiantano gli antichi miti e le religioni, è anche quello in cui prolifera la gnosi sotto forma di sette così dette spiritualiste, che lambiscono anche la teologia e la Chiesa, in un corto circuito in cui il massimo di razionalismo si fonde col massimo di regressione psichica.

Figure adelphiane




AA.VV.
Varia.




Indagini su Scipione








Gnosticismi



AVVERTENZA Il presente sito è esente da qualsiasi tipo di atti­vità lucrosa ed è privo di inserti pubbli­citari o com­mer­ciali. Le informa­zioni di cui si occupa non hanno na­tura periodica, pertanto non sono sog­gette alla normativa della legge 47/78, richiamata dalla leg­ge 62/­2001. Il materiale multi­mediale non creato appo­sita­mente per questo sito, ma in questo sito presente, può essere ancora soggetto al Copyright dei rispet­tivi autori. In questo caso l'unico scopo del responsabile è stato quello di promuovere le opere citate. Le citazioni delle opere e degli autori sono presenti nelle singole pagine. Le pagine web inserite sono corre­date dalle infor­mazioni disponibili degli autori e dai relativi link. Qualora gli eventuali titolari di diritti su testi, immagini e musiche si dovessero ritenere danneggiati, il responsabile del sito è pronto ad ogni modifica o cancellazione. Con­tatti: il.co­vile@­gmail­.com. Le pagine di questo sito fanno uso esclusivamente di file HTML, XML, XSL, PDF, PNG, CSS e sono prive di Javascript e di Cookies. Il sito può essere in­tegral­mente scari­cato con HT­Track. © Stefano Borselli 2019. I testi originali sono licenziati sotto Creative Commons. Attri­buzione. Non commer­ciale. Non opere deri­vate 3.0 Italia License.