Il Covile on Jacques Camatte
About:
  OuvertureLanguage IndexNoticeInterviews and Speeches
Bibliography:  All the WritingsAll the EditionsSelected WorksAll the downloadable Translations
Also:  Recent Studies on CamatteNew Message on situationGoing to the sources: the Author's websiteGlossaryGameLegenda


Original text in the Author's siteEnglish    Français    Italiano    Deutsch    Русский    Español

situazione
È qui la morte, è qui che bisogna saltare.

Non è la morte più desiderabile di una vita
che sia una pura misura preventiva contro la morte?

Karl Marx

Il coronavirus agente causale del Covid-19 è il virus dell'inimicizia.

La sua apparizione risulta da un lungo processo che è iniziato nel neolitico con la separazione dal resto della natura, l'asservimento delle donne e la messa in dipendenza dei bambini.

Piú si lotta contro, piú si rafforza ciò contro cui si lotta. Per questo la minaccia del virus (ovvero di altri virus) si accrescerà nello stesso tempo che l'inimicizia in seno alla specie.

La vita in comune diverrà sempre piú difficile rimettendo in causa i fondamenti della specie, che poté manifestarsi in seno alla natura solo a causa della potenza eccezionale della sua comunità in continuità con tutto ciò che vive.

La nostra estinzione possibile è dunque legata all'ipersviluppo dell'inimicizia sostenuto dall'iperindividualismo unito all'enorme sovrappopolazione affètta dalla megalomania, che le impedisce di essere presente al mondo e fonda la sua follia. Esso ha parimenti condizionato, con la distruzione della natura, lo sviluppo dello sregolamento climatico che minaccia ogni vita sulla terra. Ciò facendo, la specie si trova in presenza di un fenomeno di un'ampiezza comparabile, anche se ne fu differente la manifestazione - una glaciazione - da cui dovette e seppe premunirsi, creando utensili (nel senso piú generale del termine) che le hanno permesso di proseguire il suo processo di vita, il che d'ora in avanti essa non è piú in grado di realizzare a causa della sua follia che le impedisce di vedere la realtà. Sor­pren­dentemente non è nel corso di una fase di glaciazione ma nel corso di una fase in cui predominava un clima molto piú mite che è sorta la dinamica dell'inimicizia che affètta ora le nostre radici. Ma il processo di vita, tanto a livello organico che psichico, è fondato su una cooperazione e una simbiosi: fino a quando la specie potrà tollerare l'inimicizia?

La pandemia rivela pienamente l'orrore che ha costituito la rottura di continuità con la natura, la messa in erranza, nella quale non si può andare piú oltre, perché piú in là si trova la morte. Per sfuggirvi, solo un immenso salto vitale può permettere di effettuare l'inversione salvatrice consistente nell'abbandonare la dinamica dell'inimicizia, come dell'amicizia suo complemento diadico, ritrovando il nostro posto-presenza in seno al fenomeno vita, liberati e liberate da una diade artificiale.

Camatte Jacques

Ottobre 2021

Gabriella Rouf

Vedi nel Glossario: Inimicizia , Erranza , Inversione , Diade

 

 Avvertenza • Contatti • © • Privacy

Wehrlos, doch in nichts vernichtet
Inerme, ma in niente annientato
(Der christliche Epimetheus
Konrad Weiß)

 

Legenda:  = Translated by/Traduit par/Tradotto da; = Title of the text in the edition/Titre du texte dans l'édition/Titolo del testo nell'edizione; = Title-Date of original text/Titre-Date du texte original/Titolo-Data del testo originale; Download text/Télécharger le texte/Scaricare il testo; book / livre / libro; magazine/revue/rivista; site web.