Mappa   Ragguaglio   Ultime pubblicazioni

 

I testi piú letti

Tra parentesi quadre il numero totale di letture-scaricamenti negli ultimi 12 mesi.

    Aggiornamento settembre 2019

  1. [3611]     AA.VV. Caso Forteto. La catastrofe del cattocomunismo fiorentino. Le Raccolte
  2. [1163]     AA.VV. Omaggio a Juan Caramuel Y Lobkowitz.Un genio scientifico in epoca barocca. Le Raccolte
  3. [929]     Claudio D'Ettorre (Omar Wisyam) Giorgio Cesarano e la critica capitale. Collana «I libri del Covile»
  4. [871]     AA.VV. Figure adelphiane. Collana «I sei pollici»
  5. [837]     AA.VV. Indagini su Epimeteo. Collana «I sei pollici»
  6. [719]     Wendell Berry Manifesto del contadino impazzito. I nostri Manifesti
    Wendell Berry, agricoltore e filosofo, è... Wendell Berry, agricoltore e filosofo, è un esponente dello straordinario e pochissimo conosciuto mondo del ruralismo conservatore americano, dove il termine «conservatore» non coincide col significato politico. Il Covile si è occupato di Wendell Berry nel n° 312 del maggio 2015.
  7. [691]     AA.VV. Romano Guardini e i movimenti moderni. Le Raccolte
    La forma e il materiale di un calice sac... La forma e il materiale di un calice sacro, quelli di una chiesa, gli stili architettonici e l'impianto urbanistico delle città, i movimenti giovanili del novecento e alcune esperienze politico/esistenziali, i rapporti con la tecnica. La Raccolta si snoda intorno a tutti questi temi, trattati in più numeri del Covile e apparentemente eterogenei, con l'ambizione di mettere il lettore in condizione di rintracciarne il filo rosso che li accomuna. Filo rosso che potrebbe essere sintetizzato nel rifiuto della modernità di riconoscere l'esistenza di un ordine del mondo insieme divino e umano, o in altri termini, di riconoscersi da parte degli uomini quali creature, e non quali creatori di se stessi, sganciati quindi da ogni riferimento che non sia la propria prometeica volontà di potenza e la propria umana Ragione. Ne risulta che la modernità, per la prima volta nella storia, ha provocato una cesura con tutto quanto la precede e che coinvolge tanto l'antico mondo pagano quanto quello cristiano e cattolico. Siamo però in presenza di un macroscopico paradosso: il mondo moderno della razionalità e della scienza, elevate a vere e proprie fedi che soppiantano gli antichi miti e le religioni, è anche quello in cui prolifera la gnosi sotto forma di sette così dette spiritualiste, che lambiscono anche la teologia e la Chiesa, in un corto circuito in cui il massimo di razionalismo si fonde col massimo di regressione psichica.
  8. [590]     Luigi Copertino Il confronto con la gnosi spuria secondo Ennio Innocenti. Speciali
  9. [589]     Alfred Tennyson La dama di Shalott. Collana «I sei pollici»
  10. [584]      AA.VV. N° 190(729)Il Forteto, catastrofe del cattocomunismo fiorentino. 1. Caso Forteto
  11. [542]     Emiliano Fumaneri Il Matrix progressista. Collana «I libri del Covile»
  12. [521]     AA.VV. Marxisti antimoderni.Antologia. Collana «I libri del Covile»
    Secondo l’interpretazione «ufficiale» de... Secondo l’interpretazione «ufficiale» del pensiero marxiano, quella progressista, il capitalismo e la modernità che ne è sinonimo, rappresentano un oggettivo e decisivo passo in avanti nella prospettiva del comunismo. La lettura progressista più estrema e coerente, l’«accelerazionismo», giunge quasi ad identificare il comunismo col capitalismo sviluppato in ogni sua potenzialità, del quale andrebbe quindi accelerata l’opera dissolvitrice di ogni antica struttura culturale, sociale e oggi biologica (transumanesimo). La lettura progressista corrisponde senza dubbio al contenuto della maggioranza quantitativa degli scritti di Marx; tuttavia negli anni sessanta del secolo scorso, parallelamente alla trasformazione delle strutture economiche ed anche antropologiche indotte dal capitalismo da un lato, e dall’altro alle contraddizioni dell’esperienza sovietica, presero corpo linee interpretative originali favorite anche dalla conoscenza dei Grundrisse, tradotti in italiano solo nel 1958. I situazionisti, il gruppo raccolto intorno alla rivista Invariance, gli operaisti e la scuola althusseriana, ne rappresentano i principali filoni, che nello scorrere del tempo hanno tuttavia prodotto esiti discordanti fino all’inconciliabilità (valgano come esempio le concezioni a cui è approdato Toni Negri). Rimane il fatto che le intuizioni di allora, che partivano dall’analisi di concetti marxiani chiave (capitale, valore, classi), seppero cogliere con grande anticipo la deriva antiumana della modernità.L’antologia raccoglie passi di quegli autori, nell’intento di testimoniare ad un tempo la contraddittorietà ma anche la fecondità del pensiero marxiano.
  13. [518]     M. W. Mehaffy & N. A. Salíngaros Verso un'architettura resiliente. Le Raccolte
  14. [496]      Alfred Tennyson trad. Gabriella Rouf N° 42(581)«La dama di Shalott». Poesie illustrate (e non)
  15. [494]      Stefano Serafini N° 485 Giuseppe Sermonti. Contadino di stelle.
  16. [442]     Emiliano Fumaneri La liquidazione dell'uomo. Collana «I libri del Covile»
  17. [424]     Commissione regionale toscana sul Forteto La seconda parte della relazione finale.
  18. [402]      Lothar Meggendorfer N° 255(794)Le tabelline. 1. Il Covile dei piccoli
  19. [396]      AA.VV. N° 470 Gazzetta. Foucault sugli altari?
  20. [380]      AA.VV. N° 227(766)I venerati maestri. 4. Caso Forteto
  21. [371]      Armando Ermini N° 339(878)Una singolare lettera di don Milani. 5. Caso Forteto
  22. [357]      Armando Ermini N° 501 Il recente libro di Diego Fusaro: «Il nuovo ordine erotico».
  23. [355]      Gabriella Rouf N° 471 Jean Baudrillard e l’enigma al negativo. AC
  24. [343]      AA.VV. N° 91(630)Sull'ipotesi di ricostruzione in via Giulia, Roma. Architettura
    Un numero della rivista civico e battagl... Un numero della rivista civico e battagliero, dopo la proposta del Sindaco Alemanno di edificare una zona centrale di Roma scegliendo il progetto tra una serie di proposte «creative» e «originali», tali da evitare ad ogni costo il «falso storico». Interventi di Stefano Serafini, Ettore Maria Mazzola, Paolo Marconi, Nikos A. Salìngaros e Pietro Pagliardini, con gli elaborati progettuali degli studenti della University of Notre Dame School of Architecture in Roma.
  25. [341]      AA.VV. N° 373(912)Per Gianni Collu. 2. Marxisti antimoderni
  26. [337]     Hans Sachs Lamento degli uomini selvaggi della foresta sulla slealtà del mondo. I nostri Manifesti
  27. [333]      AA.VV. N° 149(688)Poderoso caballero es Don Dinero.Raccolta poetico-filosofica sulla potenza del denaro. Marxisti antimoderni
  28. [327]      Ettore Maria Mazzola N° 49(588)Borgo Corviale 1. Progetti per Corviale
    Speciale Corviale 1: Ritorno alla scala ... Speciale Corviale 1: Ritorno alla scala umana. Un’ipotesi di trasformazione dell’eco-mostro romano. Ettore Maria Mazzola illustra il suo progetto di abbattimento e ricostruzione del Corviale, da trasformare in un quartiere vivibile a misura d’uomo. Con un sogno di Stefano Serafini e l’auspicio finale di Pietro Pagliardini.
  29. [326]      AA.VV. N° 4(543)Costa frattale e vita urbana. 2. Urbanistica
    Speciale Urbanistica 2: «La costa fratta... Speciale Urbanistica 2: «La costa frattale genera la vita urbana» di Nikos A. Salìngaros, «Neapolis e le radici della vita urbana» di Isabella Guarini; conclude l’intervista di Isabella Guarini a Nikos A. Salìngaros.
  30. [320]      Gabriella Rouf N° 491 Nemesi del femminismo e il racconto dell’ancella.
  31. [313]     Armando Ermini La questione maschile. Collana «I libri del Covile»
  32. [304]     Jacques Camatte Inversione e disvelamento. Collana «Opere di Jacques Camatte»
  33. [295]      Philippe Grasset trad. Il Covile N° 487 Dall’atonia alla collera. Epimeteo e la tecnica
  34. [295]      Ettore Maria Mazzola N° 468 Il disastro di Genova segna l’inizio della fine di un immenso castello di carta? 11. Architettura
    Riflessioni dopo il crollo del Ponte Mor... Riflessioni dopo il crollo del Ponte Morandi: sulla abnorme ipertrofia di tante costruzioni del XX secolo, dove una tecnica egocentrica non garantisce che durate nel tempo di pochi decenni e un bagno di umiltà e rispetto è necessario.
  35. [293]      Armando Ermini N° 475 Il recente libro di Luigi Copertino «Il confronto con la gnosi spuria secondo Ennio Innocenti»
  36. [290]     AA.VV. Poesie illustrate.Traduzioni in rima nuove o inedite. Le Raccolte
  37. [289]      M. W. Mehaffy & N. A. Salíngaros N° 262(801)Gli insegnamenti della biologia. 1. Verso un'architettura resiliente
    Verso un’architettura resiliente. Prima ... Verso un’architettura resiliente. Prima parte di un importante saggio di Michael Mehaffy e Nikos Salìngaros, in origine apparso sul blog di Metropolis Magazine.
  38. [286]      AA.VV. N° 489 Bolsonaro e Buchanan.Tettonica del mondo conservatore.
  39. [285]     AA.VV. Indagini su Scipione de' Ricci. Le Raccolte
  40. [284]      Andrea Pozzoli N° 496 Perché andare in montagna.
  41. [276]      Philippe Grasset N° 494 Di quali élites si parla?
  42. [273]      Gabriella Rouf N° 166(705)L'opera di una vita: Louis Janmot e «Il poema dell'anima». Poesie illustrate (e non)
  43. [270]     AA.VV. In buona compagnia. Collana «I sei pollici»
  44. [257]     AA.VV. Mario Praz faber. Collana «I sei pollici»
  45. [255]      AA.VV. N° 465 Leggere i Manoscritti. 12. Marxisti antimoderni
  46. [251]      AA.VV. N° 1(540)La città ai margini.Interviste a 8 architetti, sociologi ed urbanisti italiani. 1. Urbanistica
    Speciale Urbanistica 1: Interviste di Le... Speciale Urbanistica 1: Interviste di Leonardo Servadio a otto architetti, sociologi e urbanisti italiani di fama mondiale (Luigi Mazza, Aldo Loris Rossi, Franco Purini, Mario Botta, Vittorio Gregotti, Guido Martinotti, Paolo Masciocchi, Marco Romano), inizialmente pubblicate sul quotidiano «Avvenire» nel corso del 2009. ¶ Precede una nota introduttiva del sociologo Paolo Masciocchi.
  47. [250]      Nikos A. Salíngaros N° 187(726)Perché lo sviluppo umano richiede l'atto creativo. 2. Delectationes
  48. [250]      Armando Ermini N° 258(797)Costanzo Preve, anomalia della sinistra non normalizzata. Marxisti antimoderni
  49. [249]      Jacques Camatte N° 483 Rottura di continuità e inversione. 2. Testi di Jacques Camatte
  50. [248]      Nikos A. Salíngaros N° 386(925)Il ponte sullo Stretto. 12. Urbanistica
    Un intervento che analizza l’impatto del... Un intervento che analizza l’impatto del ponte dal punto di vista urbano e considerando i flussi di trasporto, a seguire un commento di Ciro Lomonte.
  51. [248]      Armando Ermini N° 117(656)Una panoramica. 1. La questione maschile
    «Questione maschile» è una locuzione che... «Questione maschile» è una locuzione che sta entrando nel les­sico corrente, anche per merito di alcuni movimenti impegnati nella società civile e sul web. La serie, curata da Armando Ermini, partendo da una pano­ramica sui movimenti degli uomini in Italia, si propone di esporre i principali temi inerenti l’identità maschile, e di analiz­zare motivi e cause di una crisi profonda che non si limita agli uomini ma coinvolge con essi le radici stesse della civiltà occiden­tale. Crisi che si sta avvi­cinan­do ra­pi­da­men­te al pun­to di non ri­torno ma che, pro­prio per questo, inizia a gene­rare nuove consa­pevo­lez­ze e spe­ranze. Al­le volte ancora allo stato mag­matico, la nuova co­scien­za maschi­le e pa­terna è suscet­tibile di evol­vere in sen­so po­sitivo. Non come rivin­cita verso le conqui­ste civili delle donne, ma come co­scienza di sé e del­la pro­pria insosti­tuibi­lità nello scena­rio so­ciale e fami­liare.
  52. [247]     Fabio Brotto Rileggendo Simone Weil. Collana «I sei pollici»
  53. [246]      AA.VV. N° 95(634)Le «Memorie d'oltretomba» di Francois-René de Chateaubriand.
  54. [246]      Ettore Maria Mazzola N° 239(778)Aggiornamenti sulla bella chiesetta armena. 5. Architettura
    La vita che rinasce grazie a un’opera ar... La vita che rinasce grazie a un’opera architettonica, piccola, ma illuminante: alcune riflessioni di Ettore Maria dopo la consacrazione della nuova Chiesa Armena di San Giovanni Battista dell’architetto Maxim Atayants.
  55. [245]      AA.VV. N° 9(548)Esercizi di memoria.
  56. [245]      AA.VV. N° 355(894)La devozione delle tre ore di agonia di N.S.G.C. a Radicofani.
  57. [244]      AA.VV. N° 160(699)Nikos versus Bauhaus.Un dibattito su Archiwatch.
  58. [243]      AA.VV. N° 3(542)Varia.
  59. [243]      Jacques Camatte N° 480 Presentazione del sito «Revue Invariance» e Glossario. 1. Testi di Jacques Camatte
  60. [243]      Robert Louis Stevenson N° 505 Apologia dei fannulloni.
  61. [242]     AA.VV. AC. Contro il cinico sistema della cosiddetta Arte Contemporanea. Le Raccolte
  62. [241]      AA.VV. N° 261(800)I merletti Aemilia Ars. 3. Arti libere
  63. [241]      Agnese Farinelli N° 472 La pappa del cuore (1,2).
  64. [236]      Roberto Negro N° 447(986)Il sangue e l'inchiostro.La «teoria del partigiano» di Carl Schmitt.
  65. [236]      AA.VV. N° 488 Irradiazioni da Lévi-Strauss & Kieślowski.
  66. [235]      Marco Panzeri N° 72(611)Perché mi hanno incuriosito le maniglie.
  67. [234]      AA.VV. N° 495 Oltre cinquantanni di consapevolezza sulla sussunzione. 13. Marxisti antimoderni
  68. [233]      M. W. Mehaffy & N. A. Salíngaros N° 270(809)Progettare Agile. 5. Verso un'architettura resiliente
  69. [233]      Emilia Maggio N° 478 L’‹Iside› di Polizzi: un mito sfatato.
  70. [232]      Gianni Collu N° 277(816)Furio Jesi: un «curioso» intellettuale di sinistra. 6. Figure adelphiane
  71. [229]      Serena Baldini N° 136(675)Intervista a Nikos Salíngaros. Architettura

    Nikos Salìngaros: imperialismo globale e antiarchitettura, intervista di Serena Baldini.

  72. [229]     Jean-Pierre Cramoisan Merde à Duchamp! Collana «I sei pollici»
  73. [228]      Lewis Carrol trad. Adriano Orefice N° 151(690)«The Hunting of the Snark»
  74. [225]      Fred Reed N° 492 Cina sopravvalutata.
  75. [225]      Epicuro N° 510 La lettera sulla felicità con una glossa involontaria di G. K. Chesterton.
  76. [224]     AA.VV. I nostri criteri redazionali I nostri Manifesti
  77. [224]      AA.VV. N° 460(999)AC: risalire alla sorgente dell'errore. Jacques Ellul. 10. AC
  78. [222]     AA.VV. Poderoso caballero es Don dinero I nostri Manifesti
  79. [221]     AA.VV. Fine e popolare. Le Raccolte
  80. [220]      Marisa Fadoni Strik N° 348(887)Heinrich Hoffmann: Der Struwwelpeter (Pierino Porcospino) e gli altri suoi Bilderbücher. 2. Il Bilderbuch
  81. [220]     AA.VV. AC2. Le Raccolte
  82. [220]      Philippe Grasset N° 497 Un uomo per bene.
  83. [219]      Ettore Maria Mazzola N° 198(737)La nuova chiesa armena di S. Giovanni Battista. 4. Architettura
    La nuova chiesa armena di S. Giovanni Ba... La nuova chiesa armena di S. Giovanni BattistaEttore Maria Mazzola descrive la genesi, il progetto e la realizzazione della nuova chiesa di San Giovanni Battista, realizzata in Armenia dall’architetto Maxim Atayants.
  84. [215]      AA.VV. N° 477 I sentieri delle marionette.
  85. [214]      Cristiano Rosponi N° 50(589)Un quartiere tradizionale e comunità urbane. 2. Progetti per Corviale
    Speciale Corviale 2: Un quartiere tradiz... Speciale Corviale 2: Un quartiere tradizionale e comunità urbane. Il progetto di Cristiano Rosponi per la ricostruzione del Corviale. Con prefazione di Nikos A. Salìngaros e un’idea visiva di Alzek Misheff.
  86. [213]     AA.VV. La pagina fiorita. Collana «I sei pollici»
  87. [211]     Lewis Carrol La cerca dello Squallo. Collana «I sei pollici»
  88. [211]      John Greenleaf Whittier trad. Gabriella Rouf N° 105(644)Maud Muller.
  89. [209]      AA.VV. N° 179(718)Circumdrome del rasoio. Un invito a liberarcene. 1. Delectationes
  90. [209]     Armand Robin Le programme en quelques siècles! I nostri Manifesti
  91. [207]      AA.VV. N° 74(613)I caratteri Fraktur e l'anima tedesca. Germanica
  92. [207]      Gabriele Tagliaventi N° 51(590)Dal Corviale alla città giardino. 3. Progetti per Corviale
    Speciale Corviale 3: Dal Corviale alla C... Speciale Corviale 3: Dal Corviale alla Città Giardino. Gabriele Tagliaventi pubblica la sua proposta per la demolizione e ricostruzione del Corviale. Interventi di Nikos A. Salìngaros e Pietro Pagliardini. Con la poesia finale «I costruttori» di Henry Wadsworth Longfellow (1807–1882) nella traduzione in rima di Gabriella Rouf.
  93. [205]      AA.VV. N° 464 Combriccola primaverile.E. Kreidolf con H. Hesse, V. Nabokov, G. De Nerval, H. Heine, E. Jünger, G. Gozzano. 2. Il mondo di Kreidolf
  94. [204]      Danilo Fabbroni N° 419(958)Il Sessantotto.
    A cinquant’anni di distanza abbondano le... A cinquant’anni di distanza abbondano le analisi e le ricostruzioni di quel tempo cruciale. Per gli apologeti si trattò di una rivoluzione generosa e necessaria quantunque incompiuta o tradita, per i denigratori fu invece all’origine dell’attuale dissoluzione di ogni struttura solida; altri ancora mettono l’accento sul fatto che i giovani rivoluzionari dell’epoca contribuirono, ancorché inconsapevolmente, alla modernizzazione del capitalismo ed al passaggio dalla sua fase borghese a quella postborghese e quindi anche postproletaria. Fabbroni si discosta da queste letture optando per una tesi ancor più inquietante. Si trattò, sostiene, di un progetto politico e culturale, i cui risultati attuali sono esattamente quelli voluti e perseguiti dai Poteri Oscuri, economici e politici, riuniti nelle conventicole della grande finanza e delle logge massoniche. Non esistono ovviamente prove provate, ma indizi, collegamenti, coincidenze di ambienti e protagonisti, documenti disponibili, sono tanti e convergenti; una lettura dei fatti ragionevole e utile, quanto lo è tuttora — anzi oggi ancor di più — il mai smentito libro di Maurizio Blondet, «Gli Adelphi della dissoluzione».
  95. [203]      Gilbert Keith Chesterton trad. Rodolfo Caroselli N° 171(710)«Lepanto». Poesie illustrate (e non)
  96. [200]      AA.VV. N° 88(627)La vana ricerca di un nuovo inizio.Dal Carnaro a Woodstock. 3. Movimenti moderni
  97. [197]      Scott Walter N° 382(921)Il mondo di Wodehouse.Commedia bassa e incarnazione. 1. Wodehousiana
  98. [197]      Franco Fochi N° 469 La morte del canto. Epimeteo e la tecnica
  99. [195]      Rodolfo Quadrelli N° 341(880)A colloquio con Rodolfo Quadrelli. 4. Quadrelliana
  100. [195]      AA.VV. N° 87(626)I Wandervogel e il ritorno di Wotan. 2. Movimenti moderni
  101. [194]      Tradiz. trad. Gabriella Rouf N° 274(813)Le divertenti avventure di Nonna Renza e il suo cane. 2. Il Covile dei piccoli
  102. [194]     AA.VV. Su Debord. Le Raccolte
  103. [192]      Stefano Borselli N° 397(936)La divaricazione del '77. Baudrillard-Camatte-Collu versus Negri-Mieli-Foucault. 8. Marxisti antimoderni
  104. [192]     AA.VV. Su don Milani e il donmilanismo. I Quaderni
  105. [191]      Armando Ermini N° 265(804)Femminismo e capitale. Emergenza antropologica
  106. [186]      M. W. Mehaffy & N. A. Salíngaros N° 268(807)La geometria della resilienza. 4. Verso un'architettura resiliente
  107. [186]     Lothar Meggendorfer Le nuove tabelline. Collana «I sei pollici»
  108. [185]      AA.VV. N° 225(764)Un uomo e una donna commentano giornali italiani e francesi 1. Prima che sia proibito
  109. [185]      M. W. Mehaffy & N. A. Salíngaros N° 266(805)Il cubo modernista. 3. Verso un'architettura resiliente
  110. [184]      Stefano Borselli N° 181(720)Don Milani sulla linea del sale. Wodehousiana
  111. [183]      AA.VV. N° 323(862)Scipione de' Ricci vescovo di Pistoia. 1. Indagini su Scipione
  112. [182]      Armando Ermini N° 376(915)Conversando con Camatte. 4. Marxisti antimoderni
    Jacques Camatte può essere classificato ... Jacques Camatte può essere classificato fra i marxisti «eretici»: coloro cioè (pensiamo per tutti a Jean Baudrillard) che partendo dallo studio di tutta l'opera marxiana non ne hanno taciuto le aporie tentato al contempo di portarne alle estreme conseguenze le intuizioni più profonde per decifrare il nostro tempo che, come Camatte scriveva nel suo lavoro più conosciuto (1972), «Il Capitale Totale», è quello in cui il capitale si è fatto uomo, o, ma è lo stesso, l’uomo si considera «particella di capitale». In forza di ciò il pensatore francese, che nei primi anni sessanta del novecento aveva aderito attivamente al marxismo di Amadeo Bordiga, ha finito per rifiutare i concetti tradizionali di lotta di classe e di rivoluzione, tutti interni allo sviluppo del capitale stesso e del «valore», per approdare ad una concezione in cui è centrale il concetto di «naturalità». Per recuperarla occorre però «uscire da questo mondo», nel senso di rifiutarne i paradigmi concettuali e di comportamento pratico. Ci è sembrato perciò buona cosa andare a trovarlo nel suo «eremo» in terra di Francia e parlare con lui a lungo. Un parlare e confrontarsi, però, in cui l’ambiente (la casa, la campagna circostante, le abitudini) è stato altrettanto importante delle parole, dando ad esse significato e senso concreti, conferendo loro un’anima.
  113. [181]      Claudio D'Ettorre (Omar Wisyam) N° 219(758)Sul passaggio del tempo e Carlo M. Cipolla.
  114. [178]      AA.VV. N° 126(665)Fantasia longobarda.
  115. [177]     Marco Iannucci Un percorso nell'essere in comune. Collana «I libri del Covile»
  116. [177]      AA.VV. N° 100(639)Termine del viaggio. 6. Movimenti moderni
  117. [174]     Andrea G. Sciffo Legno verde. Collana «I sei pollici»
  118. [169]      AA.VV. N° 84(623)Luce inversa a Milano.
  119. [168]     AA.VV. Caccia. La forma della vita felice. Le Raccolte
  120. [165]      Jean-Pierre Cramoisan N° 332(871)Merde à Duchamp! 7. AC
  121. [162]     AA.VV. Cartagloria Le Raccolte
  122. [161]      Armando Ermini N° 405(944)Non piú e non ancora. Carlo Formenti e Alexis Escudero. 9. Marxisti antimoderni


AVVERTENZA Il presente sito è esente da qualsiasi tipo di atti­vità lucrosa ed è privo di inserti pubbli­citari o com­mer­ciali. Le informa­zioni di cui si occupa non hanno na­tura periodica, pertanto non sono sog­gette alla normativa della legge 47/78, richiamata dalla leg­ge 62/­2001. Il materiale multi­mediale non creato appo­sita­mente per questo sito, ma in questo sito presente, può essere ancora soggetto al Copyright dei rispet­tivi autori. In questo caso l'unico scopo del responsabile è stato quello di promuovere le opere citate. Le citazioni delle opere e degli autori sono presenti nelle singole pagine. Le pagine web inserite sono corre­date dalle infor­mazioni disponibili degli autori e dai relativi link. Qualora gli eventuali titolari di diritti su testi, immagini e musiche si dovessero ritenere danneggiati, il responsabile del sito è pronto ad ogni modifica o cancellazione. Con­tatti: il.co­vile@­gmail­.com. Le pagine di questo sito fanno uso esclusivamente di file HTML, XML, XSL, PDF, PNG, CSS e sono prive di Javascript e di Cookies. Il sito può essere in­tegral­mente scari­cato con HT­Track. © Stefano Borselli 2019. I testi originali sono licenziati sotto Creative Commons. Attri­buzione. Non commer­ciale. Non opere deri­vate 3.0 Italia License.